VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
CURIOSITÀ 07 GIUGNO 2019

Perché siamo attratti dall’odore dei libri?

Perché siamo attratti dall’odore dei libri?

Vi siete mai chiesti perché entrando in libreria o in biblioteca siamo attratti irrisestibilmente dall’odore dei libri? A dare una risposta, ci prova la scienza. Lo studioso Andy Brunning rassicura: se quando prendiamo in mano un libro, lo apriamo e, immergendo il naso fra le pagine, inspiriamo a pieni polmoni, è del tutto normale! Lo scienziato è arrivato a distinguere due aromi principali sprigionati dai libri: quello dei testi nuovi e quello degli antichi volumi. Per i libri freschi di stampa, i composti chimici utilizzati sono migliaia, ma Brunning ne ha catalogati tre principali, che sono responsabili del loro caratteristico aroma: la carta e le sostanze utilizzate nella sua fabbricazione, gli inchiostri e gli adesivi per la rilegatura. Per i vecchi libri, invece, è stato più semplice scoprire da cosa derivi questa particolare attrazione olfattiva: la cellulosa e la lignina della carta, infatti, consumandosi rilasciano composti organici, da cui deriverebbe un profumo tipico e ineguagliabile. Le componenti di questo aroma sono vaniglia, benzaldeide – che ha un sentore di mandorla –, e altri odori dolci, sprigionati da etil-benzene e etil-esanolo. Si spiegherebbe quindi anche così la reticenza dei lettori più appassionati e incalliti ad abbandonare i sogni di carta per più moderni, e il più delle volte più leggeri, lettori di e-book.

1.268 visualizzazioni 0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...