VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
NOTIZIE 02 NOVEMBRE 2018

Philip Morris: responsabilità e innovazione per la sostenibilità

Bologna, (askanews) - "Abbiamo l'opportunità di cambiare il nostro destino. Un cambiamento epocale, attraverso il quale stiamo provando a convertire ai nuovi prodotti senza combustione tutti i fumatori adulti che diversamente continuerebbero a fumare". Con queste parole il presidente e amministratore delegato di Philip Morris Italia, Eugenio Sidoli, ha sintetizzato l'obiettivo della multinazionale del tabacco di trasformare il proprio modello di business verso prodotti innovativi, con un impatto rilevante sulla vita dei fumatori e sul contesto sociale collettivo.

Il caso di Philip Morris è stato analizzato dall'Istituto Cattaneo che ha promosso a Bologna l'evento "Innovazione, Scienza e Società: riduzione del danno e prodotti di nuova generazione" al quale hanno preso parte tutti i rappresentanti delle istituzioni locali, imprenditori, docenti universitari e dirigenti dell'Azienda sanitaria.

Maurizio Morini, direttore della Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo. "Il valore aggiunto sociale dell'innovazione è quella parte che emerge dal saldo tra attività positive e attività negative che ogni innovazione scatena nel suo contesto di riferimento.

Abbiamo avuto l'opportunità di entrare in contatto con Philip Morris Italia che sta facendo una politica molto significativa in termini di cambiamento delle regole del mercato del fumo. Questo ci sembra estremamente interessante".

Nonostante da anni sia cresciuto l'impegno delle autorità per promuovere corretti stili di vita anche attraverso interventi legislativi per contrastare la dipendenza dalle sigarette, in Italia, come ha certificato l'Istituto Superiore di Sanità, sono ancora oltre 12 milioni i fumatori, pari al 23% della popolazione. Da qui è partita Philip Morris che ha deciso di investire in innovazione e ricerca per sviluppare prodotti alternativi alle sigarette tradizionali che, pur rilasciando nicotina, non generano un processo di combustione, ritenuta la principale causa di malattie fumo-correlate.

"Arrivare a una società libera dal fumo al 100% è una sfida gigantesca che forse anche un colosso come Philip Morris International da solo potrebbe far fatica a conseguire. Ma darsi l'obiettivo di operare in questo senso porterà sicuramente dei risultati positivi, risultati di riduzione di prodotti 'classici', di minore impatto sul pubblico di questo insieme di attività, di innovazioni tecnologiche applicate a questi prodotti".

Per raggiungere questo obiettivo la multinazionale ha investito negli ultimi 15 anni oltre 3 miliardi di dollari in ricerca attraverso 430 ricercatori di fama internazionale specializzati in diverse discipline scientifiche e ingegneristiche. E proprio in provincia di Bologna, a Crespellano, ha realizzato un nuovo stabilimento per la produzione dell'Electronically Heated Tobacco Product, gli stick di tabacco che vengono riscaldati e non bruciati.

Il presidente di Confindustria Emilia, Alberto Vacchi.

"Quello che Philip Morris ha fatto in termini prospettici avrà sicuramente effetti importanti nel medio e lungo periodo. La sfida è molto rilevante e sicuramente ambiziosa che ha già generato effetti positivi, territorialmente parlando, nei contesti che noi viviamo quotidianamente e quindi nella capacità di un intero territorio di poter vivere queste dinamiche industriali molto forti".

"Questa è una grandissima sfida di tipo tecnologico che ha in Bologna, a Crespellano, un centro rilevante. Di questo dobbiamo essere grati a Philip Morris che ha deciso di lanciare questa sfida proprio da noi, basandosi su una competenza diffusa che certamente dà degli impulsi positivi al loro progetto e a nostra volta riusciamo ad attingere grande vivacità e voglia di fare da un progetto ambizioso e nel lungo periodo con risposte di mercato sicuramente interessanti".

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...