VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
NOTIZIE 12 DICEMBRE 2019

Piazza Fontana, Mattarella: Stato colpevole per i depistaggi

Milano, 12 dic. (askanews) - Cinquanta anni fa, il 12 dicembre del 1969, la strage di piazza Fontana a Milano, il più grave atto terroristico che

l'Italia repubblicana avesse conosciuto fino a quel momento. Alle commemorazioni dei 17 morti nell'esplosione della bomba nei locali della Banca Nazionale dell'Agricolturae è intervenuto anche Sergio Mattarella.

Il presidente della Repubblica ha incontrato i familiari delle vittime e anche

Licia Rognini, vedova di Giuseppe Pinelli, e Gemma Calabresi, vedova del commissario

Luigi ucciso in un'attentato nel 1972. "Siamo qui, oggi - ha detto Mattarella - perché avvertiamo il

dovere di ricordare, insieme, avvenimenti per i quali si è fatta

verità e si è cercata giustizia, tra difficoltà e ostacoli, e

sovente giungendo a esiti insoddisfacenti. L'identità della Repubblica è

segnata dai morti e dai feriti della Banca Nazionale

dell'Agricoltura".

In uno dei suoi passaggi Mattarella ha parlato dei depistaggi che segnarono le indagini sulla strage. "L'attività depistatoria di una parte di strutture dello Stato è stata doppiamente colpevole. un cinico disegno, nutrito di collegamenti internazionali a reti eversive, mirante a destabilizzare la giovane democrazia italiana, a vent'anni dall'entrata in vigore della sua Costituzione. Disegno che venne sconfitto".

Infine il capo dello Stato si è rivolto ai parenti delle vittime: L'italia vi è debitrice e ci sientiamo legati a un vincolo morale.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...