Virgilio Video VIDEO Search

Riqualificazione energetica di case e appartamenti: come funziona

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
02 MARZO 2020 2.325 visualizzazioni

La riqualificazione energetica di case ed appartamenti consiste nella realizzazione di lavori per incrementarne l’efficienza, riducendo i consumi, le emissioni di fattori inquinanti e gli sprechi. Ecco come funziona.

 

Chiunque sostenga spese di riqualificazione energetica ha diritto ad un rimborso, che avviene grazie ad una detrazione dall’IRPEF.

 

Fanno parte di queste opere:

  • interventi che migliorano l’isolamento termico (come sostituzione di finestre, pavimenti e rivestimenti);
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione di caldaie;
  • acquisto e messa in opera di dispositivi per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento.

 

La detrazione è pari al 65% del costo sostenuto entro il 31 dicembre 2020, possono usufruirne tutti i contribuenti assoggettati all’IRPEF, e riguarda – oltre ai proprietari – anche i titolari di diritti di godimento reali sugli immobili oggetto degli interventi (ovvero proprietari o nudi proprietari, usufruttuari, locatari e comodatari).

 

Sono esclusi, invece, dall’agevolazione i fabbricati di nuova costruzione, già obbligati a disporre di tutti i requisiti tecnici per il risparmio energetico.

 

L’Agenzia delle Entrate, per favorire la riqualificazione del patrimonio immobiliare ad uso residenziale, ha ridotto l’IVA da pagare su beni e servizi nel seguente modo:

  • IVA al 4%: sui lavori atti ad eliminare le barriere architettoniche (come messa a norma di un ascensore e abbattimento di gradini per la sostituzione con scivoli);
  • IVA 22%: su acquisto diretto di beni finiti da parte del committente, presso negozio o deposito di materiali edili.
  • IVA 10%: sulla manodopera relativa a interventi di manutenzione, ordinaria e straordinaria.

La Legge di Bilancio 2020 ha confermato la possibilità di usufruire della detrazione fino ad un massimo di 96.000€ per singola unità immobiliare.

 

Per ottenere il beneficio fiscale il contribuente deve essere in regola con i permessi tecnici e amministrativi per l’esecuzione dei lavori e deve attenersi alle seguenti regole:

  • pagare i fornitori a mezzo bonifico, specificando nella causale la dicitura: detrazione ai sensi della Legge 296/2006, art. 1, co. 344-349.
  • inviare all’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) – entro 90 giorni dalla fine lavori – copia della certificazione energetica e scheda informativa degli interventi realizzati; pratica che può essere inviata anche dal diretto interessato in via telematica.

Trend

guardali tutti

Fai da te

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...