VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
EMOZIONI 18 OTTOBRE 2021

Ruba le brioches, ma torna per pagarle: il gesto commovente del pasticciere

“Buongiorno, mi scusi, l’altra mattina avevo fame e non avevo soldi. Grazie”. Questo è il bigliettino che i proprietari del bar Alibabar 2.0 di Pistoia si sono ritrovati una mattina dopo che, il giorno precedente, erano sparite 10 paste. Ora i commercianti vorrebbero rintracciare il ladro per assumerlo.

Ruba 10 paste ma il giorno dopo paga il debito: il gesto incredibile

Si sa, l’Italia sta affrontando un periodo storico molto difficile. La pandemia ha preso alla sprovvista tutti e in molti ne hanno risentito economicamente. La storia che arriva da Pistoia, però, è la dimostrazione di come, nonostante il furto, la dignità e la nobiltà d’animo abbiano ripagato il ladro di 10 paste destinate ad Alibabar 2.0, tanto che ora i proprietari del locale vorrebbero offrire lavoro all’uomo o alla donna autori del biglietto. Non è la prima volta che l’Italia regala episodi simili, ma è sempre straordinario.

Era una tranquilla mattinata di inizio settimana. Lunedì 11 ottobre, come sempre, il pasticcere poggia davanti alla saracinesca chiusa dell’esercizio un vassoio pieno di paste destinate ai clienti. Nelle ore seguenti, però, qualcuno prende il vassoio e lo porta via. L’ammanco è di dieci paste, per un costo totale di circa dieci euro. Chi lavora in un bar sa bene che 10 euro di paste sono un piccolo tesoretto e la seccatura per il furto è più comprensibile. Nonostante l’arrabbiatura dei commercianti la giornata prosegue e termina come sempre, anche se con 10 prodotti in meno. Quello che è successo il giorno successivo al furto, tuttavia, ha lasciato ancora più increduli Maurizio Milani e Marco Bartoletti, i due titolari di Alibabar 2.0. Nel cesto delle paste del mattino i due hanno trovato un biglietto di scuse e di ringraziamento. Ci sono anche i 10 euro mancanti dell’incasso del giorno prima. Sbigottimento, commozione e la presa di coscienza della grande dignità dietro al furto per necessità hanno lasciato Maurizio Milani e Marco Bertoletti senza parole. Un gesto del genere non succede sempre e tra i due nasce l’idea di dare una possibilità lavorativa ha chi ha dovuto rubare per fame. “Questa è la situazione che sta vivendo l’Italia oggi. Gente costretta a rubare per fame, per poi tornare con dignità a pagare il debito. Tristezza infinita” è stato il primo commento dal bar pistoiese. Come nei più bei film a lieto fine, i titolari di Alibabar 2.0 hanno tutta la volontà di mettersi in contatto con lo sconosciuto o la sconosciuta che ha lasciato il bigliettino e di proporgli o proporle un impiego: “Faremo un cartello che appenderemo fuori. Speriamo di riuscire a offrire a questa persona un lavoro, è arrivata una richiesta come aiuto-pasticcere. A chi ha tutta questa dignità è giusto dare un’altra chance”. Ancora non si sa se i proprietari del bar pistoiese siano riusciti nel loro intento, l’appello alla persona del bigliettino è quello di ripassare in Via Vespucci e di leggere il cartello appeso sulla vetrina di Alibabar 2.0.

46.869 visualizzazioni 33
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...