Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NEWS

Se i Magi di Durer visitano il Museo Diocesano di Milano

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
30 DICEMBRE 2016

Milano (askanews) - 'L'adorazione dei Magi' di Albrecht Durer arriva a Milano in occasione delle celebrazioni per i quindici anni di attivita' del Museo Diocesano, che coincidono pure con l'inaugurazione del nuovo Complesso museale dei Chiostri di Sant'Eustorgio.

Un'occasione per guardare a un dipinto che, in qualche modo, e' una summa del Rinascimento europeo.

Nadia Righi, conservatore del Museo Diocesano e curatrice dell'esposizione.

'Siamo nel 1504 - ci ha spiegato - Durer dipinge quest'opera in un momento di grandi cambiamenti, anche per l'arte europea, non soltanto italiana.

E' come se, in qualche modo, fosse una sintesi di quello che era tutto il suo bagaglio culturale, fino a quel momento'.

Un bagaglio che affonda anche nei viaggi di Durer nel nostro Paese, ma la realizzazione del dipinto, poi, si compie a Norimberga, citta' natale dell'artista.

'Viene nel Nord Italia - ha aggiunto Nadia Righi - vede anche la cultura prospettica di Mantegna, passa sicuramente da Venezia, addirittura quando tornera' verra specificamente per incontrare le novita' della pittura veneziana.

Pero' e' un artista nordico.

Sicuramente l'opera e' una sintesi di queste due culture, da una parte c'e' una grande monumentalita', c'e' una ricerca di impostazione prospettica e di solennita', potremmo dire.

C'e' sicuramente Leonardo in alcuni aspetti.

Ma nello stesso tempo, se noi guardiamo con la lente d'ingrandimento questo dipinto ci accorgiamo che la cultura e' sicuramente nordica, attenta ai dettagli, dove ogni dettaglio ha un grande significato'.

E un significato particolare lo ha anche la scelta del tema dell'adorazione dei Magi nella chiesa milanese che proprio conserva le reliquie dei sovrani orientali che la tradizione vuole resero omaggio al piccolo Gesu'.

'I Chiostri di Sant'Eustorgio - ha concluso la curatrice - hanno sede nei chiostri della Basilica dei Magi e infatti in questa occasione la mostra ha un proseguimento naturale del percorso nella Basilica dei Magi per vedere il bellissimo reliquiario che viene esposto per l'occasione'.

Proveniente dagli Uffizi di Firenze, il dipinto di Durer restera' esposto a Milano fino al 5 febbraio 2017.

Trend

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...