Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

Strigliata della sindaca ai carabinieri su manifestazione Lgtb

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
15 LUGLIO 2020

Roma, 15 lug. (askanews) - Una preghiera "per implorare il fallimento del ddl contro l'omotransfobia": è l'iniziativa del parroco di Lizzano, in provincia di Taranto, che ha sollevato polemiche e la protesta dei locali attivisti Lgtb (il movimento di lesbiche, gay, bisessuali e transgender), scesi in piazza davanti alla chiesa del paese per protestare. Il prelato ha risposto chiamando i carabinieri che giunti sul posto hanno cominciato a chiedere i documenti ai manifestanti per identificarli.

A quel punto è scesa in campo la sindaca del comune pugliese, Antonietta D'Oria, che ha redarguito i militari insistendo sul fatto che quello di manifestazione è un diritto dei cittadini. "Perché non identificate chi sta partecipando alla preghiera" anti-gay? ha chiesto la sindaca ai carabinieri, i quali hanno precisato che le procedure di identificazione non sono da confondere con l'arresto. Una spiegazione che non ha però convinto la prima cittadina e molti partecipanti alla manifestazione, secondo cui l'identificazione avrebbe un sicuro effetto intimidatorio.

Trend

guardali tutti

Tecnologia

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...