VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
NEWS 04 APRILE 2017

Tagikistan, tutte in 'Atlas' per combattere l'influenza dell'Isis

Roma, (askanews) - Combattere l'Isis con metodi alternativi.

No al velo, burqa, hijab, chador.

In Tagikistan, in Asia centrale, il governo ha pensato che promuovendo usi e costumi tradizionali come l'Atlas, il colorato abito per le donne, si possa contrastare l'influenza del cosiddetto Stato islamico.

L'Atlas viene indossato dalle ragazze fin da piccole.

E' composto da un pantalone e da un abitino, tipo casacca, da mettere sopra, realizzato con la stessa stoffa, e ha una cinta in vita.

I motivi e le decorazioni variano in base alle regioni, il costume del Nord si differenzia da quello indossato nel Sud.

Ma entrambi sono in seta o cotoni pregiati e solitamente coloratissimi.

'Fa parte della nostra cultura - dice una studentessa - indossandolo le nostre bambine diventano piu' belle'.

'Le nostre donne non devono indossare abiti musulmani - dice un'altra ragazza - devono portare il nostro costume tradizionale, che tra l'altro e' anche molto piu' bello'.

Il governo ha lanciato proprio una campagna per incoraggiare le ragazze a indossarlo spesso, non solo per feste e occasioni speciali.

Non e' un no all'islam: difendere le proprie radici puo' essere un modo per combattere il radicalismo, e allo stesso tempo rilanciare le proprie tradizioni.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...