Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx SALUTE

Tiroide, come comportarsi se ci sono noduli

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
26 MAGGIO 2020

Covid-19 ha reso virtuale anche l’appuntamento della Settimana Mondiale della Tiroide, occasione per ricordare l’importanza dello iodio ed i comportamenti da tenere per preservare la salute della ghiandola. Ecco, ad esempio, cosa fare in presenza di noduli.

 

Verso i 40-50 anni più del 30 per cento della popolazione femminile può presentare noduli tiroidei, legati soprattutto alla carenza nell’alimentazione di iodio, di cui è fatto in parte significativa l’ormone della ghiandola e che è, quindi, indispensabile per il suo buon funzionamento.

 

Gran parte di queste lesioni è di piccole dimensioni e spesso non sono accompagnate da sintomatologia particolare. Se infatti da un lato se ne individuano sempre di più, va detto che la maggioranza dei tumori tiroidei hanno aggressività scarsa. A tal proposito, la diagnostica sta facendo grandi progressi per individuare appropriatamente i noduli con risvolti oncologici, onde evitare chirurgie non necessarie.

 

Anche le strategie terapeutiche per i tumori e per i noduli benigni di dimensioni tali da dare fastidio sono andate avanti, con particolare cura per le forme tumorali più aggressive, per le quali ad oggi sono state messe a punto terapie precedentemente non disponibili.

 

Ma non bisogna dimenticare che la tiroide è anche l’organo “bersaglio” più frequente di patologia autoimmune, anche questa soprattutto a carico delle donne. Per questo occorre valutare la situazione in caso di disturbi, mirando soprattutto a controllare i valori del TSH per scoprire un eventuale Iper o ipotiroidismo.

 

Ecco 5 consigli pratici per mantenere la tiroide sotto controllo:

 

  1. Consumate regolarmente – ma senza eccedere – sale iodato.

 

  1. In presenza di tumefazioni del collo o in presenza di sintomi come stanchezza inspiegabile, aumento di peso, rallentamento dei battiti cardiaci, agitazione, tachicardia od ansia consultate il medico.

 

  1. Anche un incremento dei valori di colesterolo e trigliceridi nel sangue può avere come cofattore il cattivo funzionamento della ghiandola. Prestate attenzione agli esami!

 

  1. L’ormone tiroideo è un farmaco, quindi deve essere impiegato solamente quando lo indica il medico. Non fate l’errore di assumerlo per dimagrire pensando di accelerare il metabolismo!

 

  1. Il fabbisogno di iodio aumenta in gravidanza: un adeguato apporto di iodio alla madre ne garantisce un altrettanto al feto, che ne ha bisogno per il funzionamento della sua tiroide e per lo sviluppo del sistema nervoso.

 

A cura di Federico Mereta, giornalista scientifico

Trend

guardali tutti

Consigli

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...