Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NEWS

Triennale, de Gruyter e Thys: una mostra che sogna se stessa

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
31 GENNAIO 2017

Milano (askanews) - Mettere in scena l'idea stessa di una mostra.

E' questo l'obiettivo, ambizioso e contemporaneo, che Jos de Gruyter amp; Harald Thys si sono dati per la loro prima mostra personale in una istituzione italiana, 'ELEGANTIA', allestita alla Triennale di Milano, curata da Francesco Garutti, che cosi' ce li ha presentati: 'Sono due artisti belgi che lavorano in coppia da ormai trent'anni, dal primo periodo accademico al Sint Lucas College di Bruxelles hanno iniziato una pratica che e' stata innanzitutto cinematografica, sono partiti dai film per poi arrivare a esplorare altri media come la scultura, il disegno, la performance e il lavoro sul suono'.

La mostra, che documenta la meravigliosa passione di de Gruyter amp; Thys per la compilazione ossessiva di cataloghi e liste, presenta opere diverse, tutte pero' associate all'affascinante idea del miraggio, qualcosa che possiamo vedere o, meglio desiderare, ma mai raggiungere davvero.

Molto concreta e diretta, invece la relazione tra la mostra e lo spazio che la ospita.

'E' una mostra - ha aggiunto Garutti - che ha a che fare direttamente con l'architettura di Triennale e che nella relazione tra le opere e lo spazio trova la sua forza'.

Una forza che si declina in vari modi, legati sia a una consapevolezza inconscia delle nostre proiezioni, sia alla storia degli spazi della Triennale.

'In questo spazio bianco, algido, - ha detto ancora Garutti - abbiamo una mostra classica sulle belle arti, pero' astratta, concepita come quasi fosse un sogno di stessa.

La relazione con lo spazio di Triennale trova corpo in tutte e tre le sale di ELEGANTIA, innanzitutto a partire da questa grande enfilade, che abbiano costruito e concepito da una prospettiva forzata, quindi come un monumento che cita l'arco dell'architettura romana e industriale di Triennale e contemporaneamente ne esaspera le forme'.

Il tutto partendo dalla prospettiva - o presunta tale, della sala che accoglie il visitatore all'ingresso dell'esposizione.

'Al termine di questa enfilade - ha concluso il curatore - lo spettatore si rende di come tutto questo percorso, questa macchina e questo display in qualche modo classico e' in realta' semplicemente un artificio ottico, quindi il monumento implode su se stesso'.

'ELEGANTIA', con le sue suggestioni aperte e i suoi innumerevoli occhi, resta in Triennale fino al 19 marzo.

Trend

guardali tutti

Tecnologia

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...