Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

Truffa a Ue per fondi all'agricoltura, 91 indagati in Nord Italia

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
22 AGOSTO 2019

Roma, 22 ago. (askanews) - Mega truffa sui contributi europei scoperta dalla Guardia di Finanza di Menaggio, in provincia di Como, per soldi stanziati nel piano della politica agricola comune (P.A.C.) tra il 2007 e il 2014 e destinati al sostegno delle imprese del settore agricolo e montano.

Sette persone, residenti nelle province di Sondrio, Como e Cremona, e 91 titolari di aziende agricole operanti nel territorio regionale lombardo, veneto e piemontese, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Sondrio, perché ritenuti responsabili di reati di associazione per delinquere e truffa aggravata e sono stati loro sequestrati preventivamente beni per un valore superiore ai 10.000.000 di euro.

L'operazione "Montagne d'euro" è iniziata grazie alle segnalazioni effettuate da parte di alcuni allevatori locali, i quali denunciavano il fenomeno per cui alcuni pascoli venivano concessi in affitto dai Comuni ad aziende agricole non locali, che pur non portando gli animali in quota riuscivano così ad ottenere i benefici previsti dalla normativa europea. Emblematico il caso di un pascolatore, che risultava indicato in 20 diverse domande di aiuto e avrebbe quindi dovuto mantenere nello stesso periodo alpeggi situati anche in comuni distanti decine di chilometri tra loro.

Ad offrire documentazioni false o alterate alle 91 aziende truffaldine c'erano due società di servizi, che fornivano anche i nominativi degli ignari imprenditori agricoli da inserire nelle rispettive domande uniche d'aiuto.

Trend

guardali tutti

Tecnologia

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...