VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CURIOSITÀ 27 LUGLIO 2022

Viaggi in aereo quali cibi si possono portare nel bagaglio a mano

Per noi italiani la questione del cibo è molto più che una necessità: è condivisione, tradizione, cultura, radici. Qualcosa a cui non rinunciare neanche quando ci si allontana da casa. 

Viaggiando in aereo sarà successo a tanti di assistere in aeroporto a compagni di viaggio carichi di cibo per loro o per i parenti. 

Ecco perché chiunque si è posto almeno una volta nella vita la domanda: “Posso portare cibo in aereo?. 

C’è da dire poi che il Covid-19 ha completamente cambiato il modo di volare e in molti casi, le compagnie aeree hanno ridotto o sospeso il servizio ristorazione a bordo per ridurre i contatti con gli assistenti di volo e il rischio di contagio, abbassando la mascherina per mangiare.

In generale però le compagnie aeree consentono ai passeggeri di portare a bordo il proprio cibo purché sia conforme alle linee guida di sicurezza dell’aeroporto e abbia superato il controllo di sicurezza.

Che sia per uno spuntino a portata di mano o per portare un gustoso regalo ad amici e parenti che vivono lontano, c’è da dire che tutte le compagnie aeree, ormai, hanno uniformato i loro regolamenti relativi al trasporto di cibo a bordo, recependo le direttive dell’Ente nazionale di aviazione civile. 

Può interessarti anche: Scioperi aerei: cosa fare in caso di smarrimento bagagli 

La dogana

Oltre alle regole delle compagnie aeree bisogna tener conto delle norme doganali dei Paese di destinazione. Se la destinazione è un Paese extra-europeo, inoltre, è più opportuno dichiarare comunque anticipatamente il trasporto di cibo. Per la legislazione italiana esiste il divieto di portare in aereo salumi, formaggi, cibi ripieni o a base di carne e contenenti latte o panna. Ma c’è un’eccezione per i voli che arrivano da Svizzera, San Marino, Andorra, Liechtenstein e Norvegia. 

Attenzione ai casi particolari, come Stati Uniti o Australia. Nel primo caso bisogna dichiarare sempre il trasporto di cibo, pena il rischio di sanzioni fino a 10 mila dollari. Se si arriva dall’Australia bisogna dimenticarsi di portare con sé frutta, salumi, erbe e verdura, spezie e semi: è del tutto proibito sia tramite bagaglio a mano che da stiva.

Cosa si può portare e cosa no

Portarsi da casa per il viaggio sandwich, panini o snack è possibile, a condizione che siano opportunamente sigillati e contenuti nel bagaglio a mano. Per i liquidi, come ben si sa, esistono regole più ferree. Non è possibile, infatti, trasportare cibi liquidi o semiliquidi, come formaggi freschi, yogurt, creme spalmabili, marmellate, alimenti sott’olio, zuppe in quantità superiori a 100 ml. Nessun problema, invece, per i cibi secchi, come biscotti, pasta secca, crackers, formaggio stagionato, grissini, frutta secca, ma in opportune quantità.

Scopri anche di più sui diritti dei passeggeri: la guida completa

2.558 visualizzazioni 1
Chiudi
Caricamento contenuti...