VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
NOTIZIE 25 NOVEMBRE 2021

Violenza sulle donne, Casellati: la più tragica mattanza al mondo

Roma, 25 nov. (askanews) - "No alla violenza. Il grido delle donne" è il titolo dell'evento con il quale il Senato della Repubblica ha aperto una serie di iniziative istituzionali per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra ogni 25 novembre. Un appuntamento, fortemente voluto dalla presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati.

"Anche Palazzo Madama si è fermato a riflettere su quella che è la più tragica mattanza del mondo contemporaneo. Dall'inizio dell'anno più di 100 femminicidi, perlopiù consumati all'interno delle mura domestiche. Ma questa è solo la punta dell'iceberg perché dietro le stime ufficiali ci sono violenze non dette, coperte da una violenza psicologica ed economica, violenze scambiate come atti d'amore, coperte dal silenzio e zittite da sensi di colpa per paura delle donne di allontanarsi dalla casa che è diventata una prigione, che è diventata un inferno, e per la paura di non trovare alternative. E allora noi oggi siamo qui - ha sottolineato la presidente del Senato - per sostenerle queste donne, per non lasciarle sole ad affrontare questo loro dolore, questa loro sofferenza".

L'augurio di Casellati è che questo grido diventi un messaggio di speranza e di coraggio per tutta la società: "Noi siamo una comunità che non ha paura di squarciare il velo dell'ignoranza, siamo una comunità che deve dare sostegno alle donne per dire no alla violenza, per dire no agli abusi psicologici, per dire no alla dipendenza da uomini che torturano".

In Aula le senatrici di tutti i gruppi, a significare che la lotta contro la violenza sulle donne non ha colore politico.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...