Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

Wrongonyou: "Rebirth" la mia rinascita con omaggio alla natura

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
09 MARZO 2018

Milano (askanews) - Ha trasformato la passione per la musica folk americana, coltivata grazie ai genitori sin da bambino, nel suo lavoro dopo un tour nel Sud degli Stati Uniti con un gruppo funk: Wrongonyou, nome d'arte del cantautore romano Marco Zitelli, presenta il disco d'esordio "Rebirth", cioè rinascita come quella che ha attraversato nella vita personale dopo una serie di momenti bui, forte del successo dell'Ep "Mountain man". "Quando suonavo in un gruppo mia mamma mi diceva di prendere il posto del cantante ma mi vergognavo, una sera dovevo tappare un buco perchè il gruppo prima di noi non è più venuto e allora mi sono messo a cantare 'Tiny dancer' di Elton John e 'Get up stand up' di Bob Marley, da lì' perchè le sapevo a memoria mi sono sbloccato e ho cominciato a cantare e scrivere canzoni".

Il nome Wrongonyou è un gioco di parole dal doppio senso. "In questo caso è una sorta di scaricabarile, se dico I was wrong on you sono io che mi sono sbagliato su di te, se tu dici wrong on you sei tu che ti sei sbagliato su di me".

Wrongonyou ha presentato il disco alla scuola di moda e design Raffles di Milano, una sorta di legame ideale con l'inizio della sua carriera, quando un professore di tecnologia del suono di Oxford notò i suoi brani online e gli fece incidere i primi 4 singoli. "Scrivere e cantare la canzone Rebirth che è la terza della tracklist è stato significativo per me, uscendo dal binario del devo diventare famoso e spaccare assolutamente e rientrando nell'idea di cantare di cuore e per cantare".

Il video del primo singolo "Prove it" è stato girato in Island: la natura è fonte di ispirazione per il cantautore che le ha dedicato brani come "Tree", "Son of winter", "Green river", "The lake". "'I don't want to get down' è la madre terra che dice non voglio andare giù, morire, ma riuscire a vivere, alla fine dico 'sometimes I feel like a piece of the nature', la natura è uno degli argomenti che più mi aiutano a scrivere insieme ai rapporti, le relazioni l'amore e per la prima volta in questo disco parlo della famiglia".

Il cantautore si esibirà in tre concerti al South by Southwest festival di Austin, in Texas, dal 12 al 17 marzo, poi in tour in Italia dal 21 marzo a Roma.

Trend

guardali tutti

Buono a sapersi

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...