VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti

Kids pagina 6 di 20

431 risultati
Filtra categoria
Tutte Breve (< 4 minuti) Media (tra 4 e 20 minuti)
Qualsiasi Questa settimana Questo mese Quest'anno
Più rilevanti Data Più visti
KIDS 10 DICEMBRE 2019

Perché la cornamusa si chiama così?

Se pensiamo alle cornamuse, ci vengono subito in mente la Scozia o l’Irlanda e le loro musiche tradizionali, suonate da barbuti uomini in kilt o da folletti spiritosi coi capelli rossi e l’abito verde.

Ma perché la cornamusa si chiama così?

In realtà, il nome di questo strumento a fiato, formato da una sacca di pelle gonfiabile nella quale sono inserite delle canne, lisce o forate, deriva dal francese antico “cornemuser”, un verbo composto da “corne”, cioè il corno inteso come strumento musicale e “muse”, che vuol dire sia canto o canzone, che flauto o piffero. Ancora oggi, un modello francese di cornamusa si chiama “musette”.

 

Piva e zampogna

Questo strumento è presente in gran parte d’Europa fin dal Medioevo ed è utilizzato soprattutto per la musica folk: in Italia, i due tipi più conosciuti sono la “piva”, tipica del Nord e la “zampogna”, molto diffusa al Sud, entrambe molto amate per intonare melodie natalizie.
In Spagna, invece, la cornamusa tradizionale si chiama gaita, suonata soprattutto in Galizia e nelle Asturie: la gaita asturiana, in particolare, è diventata molto famosa alla fine degli anni ’90 grazie a Hevia, un musicista spagnolo celebre per averne inventato una versione elettronica, con la quale ha rilanciato la musica folk a livello internazionale.

Oggi hai imparato perché la cornamusa si chiama così!

619 visualizzazioni 0
  1. 3
  2. 4
  3. 5
  4. 6
  5. 7
  6. 8
  7. 9
Chiudi
Caricamento contenuti...