Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx BUONO A SAPERSI arrowDx Pagina 4 di 36

Buono a sapersi pagina 4 di 36

792 risultati
VIRGILIO BUONO A SAPERSI 06 AGOSTO 2019 15.713 visualizzazioni

Uccidere le meduse è reato: ecco cosa si rischia

Uccidere le meduse è reato: ecco cosa si rischia Le meduse, al pari degli altri animali, meritano rispetto. Per questo chi le sottopone a maltrattamenti o le uccide senza necessità può incappare in pesanti sanzioni. Ecco cosa si rischia. Durante l'estate le spiagge si affollano di persone in cerca di relax, che il più delle volte dimenticano che il mare è prima di tutto un habitat naturale per molte specie animali. E a pagarne le conseguenze sono proprio loro, che sempre più spesso finiscono in secchielli e retini, o sotto l'obiettivo di "selfie" da parte di avventori poco rispettosi. Ora è sanzionata la crudeltà a titolo gratuito anche nei confronti delle meduse. A dirlo è l'Associazione di Etologia Etica "Eticoscienza" che in un comunicato si sofferma sulla crudeltà riservata alle piccole creature urticanti. Molti bagnanti, infatti, una volta avvistate, anziché allontanarsi, preferiscono tirarle fuori dall'acqua, provocandone le morte. L'associazione richiama quanto previsto dall'art. 544-ter del Codice Penale, norma che punisce il "Maltrattamento di Animali". Nel dettaglio, la disposizione condanna chiunque, per crudeltà cagiona una lesione ad un animale. I trasgressori rischiano una sanzione particolarmente grave, ovvero reclusione da 3 a 18 mesi o multa da 5.000 a 30.000 euro. Ma non è tutto. L'art. 544-bis del Codice punisce, con la reclusione da 4 mesi a 2 anni, la condotta di chiunque, senza necessità, causa la morte di un animale. Insomma, anche al mare e sulle spiagge, non bisogna mai dimenticare che quei luoghi sono culla di vita per molti animali, motivo per il quale sottoporli ad un'atroce e ingiustificata agonia è un comportamento da condannare sotto ogni punto di vista.

Tutti i video

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
Caricamento contenuti...