VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti

Cucina pagina 6 di 82

1.784 risultato
Filtra categoria
Tutte Breve (< 4 minuti) Media (tra 4 e 20 minuti)
Qualsiasi Ultima ora Questo mese Quest'anno
Più rilevanti Data Più visti
CUCINA 13 MAGGIO 2021

Farina Manitoba, ecco quando usarla

Scopriamo insieme tutto sulla farina Manitoba e quando usarla al meglio in cucina.

 

La farina Manitoba arriva dalle lande canadesi, dall’omonima regione del Manitoba, una zona fredda in cui cresce un grano altamente resistente, ricco di proteine e glutine. In realtà, le farine Manitoba che troviamo al supermercato non derivano necessariamente da questo luogo, a differenza della farina di Kamut, che, invece, è un marchio registrato. Con “farina Manitoba”, per convenzione, si indicano tutte le farineforti”.

 

Il sistema per misurare la forza della farina si chiama Alveografo di Chopin e funziona in questo modo: per prima cosa, la farina viene impastata con acqua. Poi, l’impasto viene insufflato d’aria, creando al suo interno una bolla. Tanto più ci mette la bolla a deformarsi, tanto più forte è la farina.

 

Le Manitoba sono le farine più forti tra quelle conosciute; diretta conseguenza è che resistono meglio alla lievitazione. Il lievito, come noto, è un fungo che si nutre delle sostanze nutritive dell’impasto, creando come materiale di scarto anidride carbonica, responsabile delle tipiche bolle presenti nei prodotti lievitati. Per questo, la Manitoba è perfetta per tutte quelle preparazioni che richiedono molto tempo di lievitazione. Avete, ad esempio, intenzione di far lievitare per ore l’impasto della pizza o del pane? Questa farina fa al caso vostro!

 

 

Dal punto di vista nutrizionale, nella Manitoba i carboidrati sono leggermente meno rispetto alla farina normale. Se in una farina comune, di tipo 00 i carboidrati sono il 73%, nella Manitoba sono il 70%. Le proteine, di contro, sono maggiori; grassi 1,5% e fibra 3% in entrambe. La Manitoba sarebbe perfetta anche per la pasta, ma in Italia, per legge, la si può fare solo col Triticum durum e non col Triticum aestivum; ciò vuol dire che, derivando dal frumento tenero, non può essere utilizzata. Insomma, le differenze fra farina Manitoba e “normale” sono sostanzialmente solo nella lavorazione!

5.886 visualizzazioni 3
  1. 3
  2. 4
  3. 5
  4. 6
  5. 7
  6. 8
  7. 9
Chiudi
Caricamento contenuti...