VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti

Viaggi pagina 6 di 56

1.231 risultato
Filtra categoria
Tutte Breve (< 4 minuti) Media (tra 4 e 20 minuti) Lunga (> 20 minuti)
Qualsiasi Ultima ora Oggi Questa settimana Questo mese Quest'anno
Più rilevanti Data Più visti
VIAGGI 29 SETTEMBRE 2020

Acquaviva Picena, il borgo all'ombra della Fortezza

Andiamo in provincia di Ascoli Piceno ad Acquaviva Picena, borgo medievale splendidamente conservato, a meno di dieci 10 km da San Benedetto del Tronto.

 

 

Acquaviva Picena domina il paesaggio della Valle del Tronto.
La bellezza del panorama è uno dei motivi che spingono a visitare questo incantevole luogo marchigiano, da cui si possono intravedere l’Adriatico, i monti Sibillini e le cime del Gran Sasso. Il centro storico, sospeso in un’atmosfera medievale, è composto da antichi edifici addossati l’uno all’altro e da vicoli con un’architettura originale. La scenografica Piazza del Forte si apre ai piedi di una delle attrazioni più celebri del borgo: la rocca, costruita tra il XIII ed il XIV secolo dalla famiglia degli Acquaviva d’Atri. Oggi ospita un museo archeologico; è, poi, suggestiva sede di una delle più riuscite rievocazioni in costume di tutta Italia: Sponsalia, banchetto a tema organizzato dall’associazione Palio del Duca fra spettacoli, mercatini tradizionali, falconieri, giullari.

 

A proposito di banchetti, ad Acquaviva ci si può anche sposare: l’associazione offre la possibilità di celebrare le proprie nozze in abiti del 1300, tra danzatori, trampolieri e mangiafuoco. Altri punti d’interesse sono Palazzo Chiappini (sede del Municipio e ricco di sale affrescate) e la chiesa di San Nicolò di Bari, patrono del borgo, risalente al XVI secolo.
Da vedere anche la chiesa romanica di San Rocco, del XIII secolo, la chiesa di San Lorenzo degli Agostiniani, fondata nel 1613, ed il più antico convento francescano delle Marche, fondato da San Francesco su invito della famiglia Acquaviva.

 

 

Ma non solo arte. Se siete delle buone forchette ad Acquaviva non resterete delusi! Da assaggiare: le peschette con la cioccolata (semisfere di pasta morbida riempita di crema, annaffiate con alchermes e rotolate nello zucchero), maritozzi, vincisgrassi, olive all’ascolana e crescia.

145 visualizzazioni 1
  1. 3
  2. 4
  3. 5
  4. 6
  5. 7
  6. 8
  7. 9
Chiudi
Caricamento contenuti...